Gonnoscodina

Chiesa di San Daniele

Occupò l’area di un precedente edificio religioso, con la medesima intitolazione, fondato, nel 1646, dalla confraternita della buona Morte. Il muratore Raffaele Cappai inaugurò la ricostruzione del monumento nel 1825, per…

Continua...

…concluderla nel 1841. L’impostazione planimetrica richiama il modello della vicina parrocchiale: impianto a croce greca; profonda abside rettangolare; incrocio tra navata e transetto sormontato da un padiglione ottagono su tamburo. Ai lati dell’abside, si aprono due sacrestie gemelle. Sulle due cappelle e nel presbiterio, sono alloggiati tre altari lignei. Le decorazioni pittoriche risalgono al ‘900.
La posizione in rilievo, sopra una collina ai margini del centro abitato, consente di ammirare la chiesa dall’agro circostante. La mole slanciata, unita alla forma centrica, percepibile da notevole distanza, sono elementi di forte valenza paesaggistica.
Il fronte principale conserva modelli e forme dell’ultima fase rococò. Il terminale a doppia inflessione, ripreso nella cornice della porta, il campaniletto a vela con doppie volute, l’incedere del padiglione voltato sono elementi frequenti tra le architetture religiose del Campidano.

Parrocchiale di San Sebastiano

Sostituì l’antica chiesa di san Bartolomeo, della quale permane una coppia di archi. La ricostruzione dell’edificio seguì più fasi: tra il ‘600 e il ‘700 e alla metà dell’800. Le soluzioni adottate sono diffuse tra le architetture…

Continua...

religiose del Parte Montis, derivate da alcuni prestigiosi monumenti di Cagliari. All’ultima fase dei lavori, inaugurata nel 1846 e conclusa nel 1873, è dedicata la lapide commemorativa murata all’interno della chiesa.
L’impianto planimetrico è a croce greca, sormontata da un padiglione ottagono su tamburo. Sul fronte principale è addossato un colonnato ionico tetrastilo, soluzione presente nelle parrocchiali di Masullas e Mogoro. L’elegante terminale superiore è delineato dalla successione di volute concave e convesse. Al centro del registro superiore, una piccola finestra flabelliforme ricorda uno dei motivi decorativi caratteristici del rococò piemontese. Il portale è racchiuso da una cornice di derivazione michelangiolesca.

All’interno della chiesa, sono custoditi una reliquia della santa Croce e un calice d’argento di pregevole fattura. Accanto alla parrocchiale, sorge l’antico monte Granatico, i cui locali sono oggi adibiti a biblioteca comunale.

POLO MUSEALE MASULLAS

More...

...allodiale, con la prerogativa di successione anche per linea femminile e l’esercizio in sede giurisdizionale del mero et mixto imperio, che concede il potere di amministrare la giustizia sia nel civile che nel criminale.In ogni curatoria o baronia appartenente al Marchesato vengono istituite le curie baronali e sono nominati i diversi giudici. Le cause sono spesso di natura fiscale, altre riguardano fatti criminali. L’amministrazione della giustizia feudale risulta però confusa e arbitraria: curie senza archivi ordinati, personale dotato di scarsa preparazione, corruzione e connivenza con i bandos organizzati, carceri ridotte al solo ceppo e in locali molto ristretti. 
Masullas, oltre alle milizie, ospita in questi locali la curia baronale con le relative carceri.
Nel 1564, per fermare lo strapotere dei baroni nell’amministrazione della giustizia, il sovrano spagnolo Filippo II istituisce il tribunale della Reale Udienza, che giudica in appello sulle cause tra vassalli, villaggi e feudatari.
A farne parte sono letrados esperti in materie giuridiche. L’incarico più importante all’interno della magistratura è il Reggente della Reale Cancelleria, coadiuvato da altri giudici, come l’Avvocato Fiscale.
In seguito alla richiesta degli Stamenti nel Parlamento, nel 1651 viene istituita la Sala Criminale della Reale Udienza, con competenza sulle cause di natura penale.
Il ruolo che la Reale Udienza assume nel corso del periodo spagnolo non è meramente giuridico, poiché essa col tempo diventa un organo consiliare che supporta i viceré nel governo del Regno.

Info

Ex Convento dei Cappuccini
Via Cappuccini, 57
09090 MASULLAS (OR) 
Sardegna 
Italia

info@polomusealemasullas.it

Collegamenti

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sugli eventi del polo museale del comune di Masullas

Privacy Policy

SOSTEGNO PUBBLICO

PROGETTO NEOLITHIC PARK 3D
CUP: E78D17000220007

Bando CultureLab “Sostegno finanziario alle imprese del settore culturale e creativo per lo sviluppo di progetti culturali innovativi”